skip to Main Content
Napoli – Bari Tratta Frasso Telesino – S. Lorenzo

Primo progetto europeo certificato con il protocollo Envision livello Platino.
L’itinerario Napoli – Bari è parte integrante del Corridoio ferroviario Scandinavia-Mediterraneo della Rete Transeuropea dei Trasporti (TEN-T). L’intervento di potenziamento in corso di realizzazione consiste nel raddoppio e nella velocizzazione fino a 200 km/h di alcune tratte dell’attuale linea al fine di incrementarne la capacità, la frequenza e la regolarità dei servizi di trasporto, migliorare l’accessibilità del territorio e facilitare gli spostamenti da Bari verso Napoli e Roma: nel 2026, alla conclusione prevista dei lavori, sarà possibile andare da Bari a Roma in c.a. 3 ore e a Napoli in c.a. 2 ore. L’intera opera, realizzata per lotti funzionali che saranno progressivamente attivati all’esercizio, costerà in totale 6,2 miliardi di Euro, in gran parte finanziati dallo Stato Italiano con partecipazione anche di fondi EU. L’opera si pone anche l’obiettivo di piena integrazione del sistema ferroviario con il tessuto regionale costituito da nodi urbani, portuali, aeroportuali e logistici. La linea sarà, inoltre, affiancata da altre infrastrutture lineari in modo da costituire un “Corridoio Multifunzionale”, caratterizzato dalla dorsale ferroviaria, da una dorsale di trasmissione elettrica, che consentirà – nel medio termine – di aumentare il bilanciamento e il carico in tempo reale delle energie rinnovabili e che – nel lungo termine – sarà parte della “European Supergrid 2050”, e da una dorsale digitale che consentirà di connettere con fibra ottica i territori attraversati e le stazioni ferroviarie.
La certificazione Envision ottenuta da RFI è relativa alla tratta Frasso Telesino – Telese – S. Lorenzo dall’estensione di c.a. 21 km: essa collegherà le aree dei Comuni beneventani di Frasso Telesino, Telese e San Lorenzo Maggiore, attraverso una serie di interventi di raddoppio, in variante e in affiancamento della linea esistente, di realizzazione di nuove stazioni ferroviarie, ma soprattutto di potenziamento dell’accessibilità alle aree interessate dal progetto.

Per approfondire clicca qui

Back To Top